venerdì, 23 febbraio 2024 | 11:57

Ricerca sanitaria: firmato il nuovo CCNL

Sottoscritto, il 21/2/2024, tra ARAN e la FP-CGIL, la CISL-FP, UIL-FPL, FIALS-CONFSAL, NURSIND-CGS, NURSING UP-CSE, il rinnovo del CCNL relativo al personale del comparto sanità inerente il personale del ruolo della ricerca sanitaria e delle attività di supporto alla ricerca sanitaria, valido per il triennio 2019 - 2021

Newsletter Inquery

Ricerca sanitaria: firmato il nuovo CCNL

Sottoscritto, il 21/2/2024, tra ARAN e la FP-CGIL, la CISL-FP, UIL-FPL, FIALS-CONFSAL, NURSIND-CGS, NURSING UP-CSE, il rinnovo del CCNL relativo al personale del comparto sanità inerente il personale del ruolo della ricerca sanitaria e delle attività di supporto alla ricerca sanitaria, valido per il triennio 2019 - 2021

Informazione estratta dalla Banca Dati Inquery - chiedi informazioni per l'utilizzo

Con la firma del nuovo CCNL vengono innalzate le retribuzioni medie mensili e inoltre previste nuove indennità di funzione, correlate all'introduzione del sistema degli incarichi, che possono arrivare fino a:
• 28.000 euro annui per il personale ricercatore;
• 20.000 euro annui per il personale di supporto.

Vengono introdotto le indennità di rischio radiologico (con connesso periodo di riposo biologico) e pronta disponibilità, salvaguardando il valore economico delle fasce economiche conseguite con il previgente sistema.

Previste, poi, ulteriori fonti di finanziamento per consentire l'effettiva erogazione dei premi correlati alle performance.

Viene, poi, stabilito che fino al 20% delle risorse stanziate ai sensi dell'art. 1 c. 424 della L. 205/2017, possano essere utilizzate per finanziare le indennità di funzione, i DEP, il lavoro straordinario, le indennità di rischio e disagio e i premi correlati alle performance.

Introdotto il sistema degli incarichi individuando:
• 5 tipologie di incarico per il personale ricercatore (base, junior, middle, senior e responsabile di ricerca) con una indennità di funzione che parte da un minimo di 1.200 euro fino ad un massimo di 28.000 euro;
• 4 tipologie di incarico per il personale di supporto alla ricerca (complessità base, media elevata e responsabile di funzione) con una indennità di funzione che parte da un minimo di 1.000 euro fino ad un massimo di 20.000 euro.

Viene previsto, per i ricercatori sanitari, la conservazione del valore della parte fissa dell'indennità di funzione dell'ultimo incarico ricoperto in caso di revoca o conferimento di un incarico di tipologia inferiore.

Previsto per il personale di supporto la possibilità di conseguire fino a 7 differenziali economici di professionalità (DEP) del valore di 1.200 euro ciascuno.

Viene, infine ricompreso nell'esperienza professionale necessaria per l'acquisizione:
• dei DEP anche i periodi di servizio maturati presso centri di ricerca pubblici o privati nazionali, europei e internazionali;
• degli incarichi di funzione anche i periodi di servizio maturati presso centri di ricerca pubblici o privati nazionali, europei e internazionali e che, in generale, sono utili allo scopo anche i periodi conseguiti nell'ambito di rapporti di lavoro flessibili .

In merito al rapporto di lavoro, viene chiarito che l'applicazione del CCNL relativo alla sezione della ricerca riguarda sia il personale a tempo determinato della cosiddetta "piramide" che il personale assunto a tempo indeterminato.

Stabilito, inoltre, che il personale ricercatore può recuperare le ore in eccesso attraverso riposi da fruirsi entro il quarto mese dell'anno successivo a quello di maturazione, anche attraverso forme di assenze compensative giornaliere.

Vengono ampliati gli istituti utilizzabili per la partecipazione ai corsi di specializzazione.

di Assia Olivetta

Seguici:

Fonte Contrattuale
· CCNL 21/2/2024?

Informazione estratta dalla Banca Dati Inquery - chiedi informazioni per l'utilizzo